Un’opera di Giuseppe Sanmartino riscoperta nei depositi